Fare trading con Plus500 e l’indicatore CCI

Fare trading significa molte cose. Scegliere un broker sicuro e di qualità, saper mettere a punto strategie di investimento, saper analizzare un grafico e molto altro ancora. E’ proprio per questo che la maggior parte dei trader non riesce ad avere successo in questo settore. Oggi analizzeremo 2 aspetti in particolare: il broker plus500 e l’uso dell’indicatore CCI nell’analisi grafica.

Broker Plus500. Attualmente è uno dei broker più utilizzati per fare trading con i cfd su forex, azioni e materie prime. Il motivo è molto semplice: oltre ad essere regolamentato da 3 differenti organi di vigilanza è uno dei broker che mette a disposizione strumenti di trading davvero professionali ma allo stesso tempo non troppo complessi da usare. Uno dei più grandi vantaggi di plus500, infatti, è proprio quello di riuscire ad accontentare sia i professionisti che gli amatori con una delle migliori piattaforme in circolazione.

Tra i vari aspetti che vale la pena sottolineare, per quel che riguarda questo broker, vi è la possibilità di investire su molti asset (valute, petrolio, gas, oro, azioni, ecc.) e con strumenti differenti. Anche se il core di plus500 rimangono i cfd (contratti per differenza) il broker ha da poco introdotto anche le opzioni binarie. Si tratta di un qualcosa in più che, all’occorrenza si può utilizzare per ampliare i propri guadagni. Una buona guida su Plus500 che ti possiamo segnalare è questa: Wthink.it/cfd-plus500-recensione/231.

Come funziona l’indicatore CCI. L’indicatore CCI, acronimo di Commodity Channel Index, è uno dei principali indicatori trading online, sicuramente fra i più popolari, tanto da essere presente come strumento di base nella maggior parte dei broker online.

L’indicatore CCI viene sfruttato per eseguire l’analisi tecnica del mercato degli asset di interesse e può tornare utile per mettere in luce situazioni di iper-venduto ed iper-comprato e per avere quindi segnali di ingresso nel mercato che, se letti correttamente, possono portare a chiudere positivamente i propri investimenti.

Questo strumento per l’analisi tecnica fu ideato e proposto per la prima volta da Donald Lambert. L’indicatore CCI mette a confronto il valore di uno specifico asset al momento dell’analisi con la media mobile del valore dell’asset stesso, calcolata in un intervallo di tempo più o meno lungo. La durata dell’intervallo di tempo può essere impostata a piacimento (sulla piattaforma di plus500 si può personalizzare in base alle proprie preferenze), ma generalmente si tende a fare il confronto con un intervallo di venti giorni.

La linea di riferimento del grafico indica il punto zero e il valore dell’indicatore CCI oscillerà sopra e sotto lo zero, restando per la maggior parte del tempo in un intervallo compreso fra un valore minimo di -100 ed un valore massimo di +100.

Quando il valore dell’indicatore CCI scende al di sotto del valore -100 si può dedurre che il valore dell’asset è notevolmente sotto la media e vi è quindi la probabilità che tenda a risalire. Un discorso simile si può fare quando il valore dell’indicatore supera il valore +100: in questo caso il valore dell’asset è notevolmente sopra la media ed è probabile che scenda presto.

Analizzando attentamente il grafico creato dall’oscillare del valore dell’indicatore CCI che si trova su plus500, si possono ottenere i segnali di vendita e di acquisto dell’asset. E’ importante sottolineare che le fasi di iper-comprato e di iper-venduto indicano una probabilità di inversione del mercato, ma non vi è la certezza che il valore effettivamente subisca un cambiamento di tendenza.

Nel complesso lo scopo di questo articolo è quello di far capire a tutti quanto sia difficile riuscire ad analizzare un grafico sotto tutti i punti di vista (abbiamo reso in considerazione un solo indicatore). Per questo è importante avvalersi di un buon broker come plus500 (ma ce ne sono tanti altri, basti pensare a Markets, IG, Etoro, ecc.) che ci mette a disposizione tutto quello che occorre per fare trading in maniera professionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *